A NOSTRA STORIA

Ecco la traduzione, inedita in italiano, di questo testo di Gian Francesco Bernardini, che racconta in modo poetico la storia della Corsica.

All’inizio fu la pace.
Con le pietre, gli uomini del megalitico inventavano i loro primi
ripari, e scolpivano degli strani dei, a Filitosa o altrove in Corsica.
Le isole serene attirano la cupidigia degli invasori, e venti volte,
nel corso dei secoli, l’isola di Corsica sarà presa d’assalto da
conquistatori venuti da vari orizzonti.

Spesso susciteranno odio e rivolta, costringendo questo
popolo di pastori pacifici, a prendere le armi e resistere.
Bisogna aspettare la metà del diciottesimo secolo per che, dopo una
successione di avventure eroiche, la Corsica conosca le pagine più
commoventi della sua storia.

Nel 1732, nel convento di Orezza, una Consulta di patrioti proclama
l’indipendenza dell’isola di Corsica.
Giacinto Paoli redige un progetto di costituzione il cui preambolo stabilisce,
per la prima volta nella storia dell’umanità:

“Gli uomini nascono liberi e uguali nei diritti”.
Una frase premonitrice che, mezzo secolo dopo, sarà ripresa da
tutti i rivoluzionari del mondo.
Il destino è in marcia.
Il 14 luglio 1755, Pasquale Paoli è eletto Generale dei Corsi alla
Consulta Nazionale di Sant’Antonio di Casabianca.

La Corsica diventa “Nazione”!
Il giovane capo di stato riuscirà allora a realizzare la difficile unità del popolo.
Dota la sua patria di una costituzione democratica esemplare, che instaura
la separazione dei poteri e il suffragio femminile, rilancia l’economia
agraria, fa battere moneta, fonda un’università a Corte, che diventa
capitale della Corsica.
Fa amministrare una giustizia uguale per tutti…

Trentadue anni prima della prima costituzione americana,
Trentaquattro anni prima della rivoluzione francese del 1789,
dappertutto nel mondo questa
fantastica esperienza politica e sociale suscita ammirazione,
i filosofi e tutti gli spiriti illuminati del secolo dei lumi salutano in
Pasquale PAOLI il precursore della democrazia.
In Francia, VOLTAIRE, come Jean-Jacques ROUSSEAU, gli tessono
lodi, e predicono l’universalizzazione della sua opera.
In Inghilterra, in Prussia, in Olanda, i pensatori, gli uomini di scienza
citano come esempio l’isola della giustizia, l’isola di CORSICA!

È allora, nel 1767, che la Francia di Luigi XV compra dalla repubblica di
Genova una pretesa sovranità sulla Corsica
e decida di sottomettere questo popolo frondista.
Per abbattere PAOLI, e la sua piccola Repubblica, la monarchia francese
costituisce un corpo di spedizione di quarantamila uomini e lo dirige verso l’isola…
E, l’8 maggio 1769, sulle onde del Golo, a Ponte Nuovo, la Corsica è
sconfitta, conquistata. Dopo un’accanita resistenza. Una lunga resistenza.

Nonostante questa conquista, seguita dall’esilio di Pasquale PAOLI in Inghilterra,
il suo pensiero intatto servirà da detonatore ad altre rivoluzioni nel mondo.
Nel 1787, gli insorti americani offrono alla loro nuova nazione una
costituzione, che assomiglia stranamente a quella della Corsica.
L’affiliazione delle due leggi fondamentali è oggi storicamente dimostrata.
Nel 1789, come contraccolpo, i rivoluzionari francesi redigeranno la
dichiarazione dei Diritti dell’uomo e del cittadino.

Oggi ancora, negli Stati Uniti, ci si ricorda di Pasquale PAOLI,
l’ispiratore incontestato delle strade della Libertà.
E sette città americane hanno il nome di “PAOLI”, “CORSICA”, “CORSICANA”, …
a sua memoria…

Da noi…
le cose vanno diversamente…

Anche se quella memoria non trova il suo posto nei libri di storia ufficiali,
questa è la verità, che dobbiamo
agli uomini,
ai popoli,
alle loro lotte,
alle loro sofferenze,
alle loro speranze.

G. Coanet & G.F. Bernardini

(traduzione dal francese di Stephane Wittenberg)

___________________________________________________________________________

I Muvrini – cinque canzoni contro la guerra

(da www.antiwarsongs.org)

Chì sarà

Lingua: Corso

dall’album “Alma”

O s’è tù pudie vede
O s’è tù pudie sente
U mio core chì ci crede
U mio core chì si pente
O s’eo ti pudia scrive
Le mio morte è le mio vive

Isse mani nude chì mi volenu tuccà
Isse mani nude chì mi volenu abbraccià
Mà chì li mancherà
Mà chì fame sarà
Mà chì ponu aspettà
Mà chì li mancherà
Mà chì mondu sarà
Mà chì ponu aspettà
Mà chì li mancherà
Mà per chì feu a so nucenza hà da pacà
Mà chì tesoru l’anu pussutu arrubbà…

Ch’ella venga la ghjustizia
È la pace universale
Ch’ella venga la divizia
È lu bè è pò lu male
Vogliu dilli la mio pena
L’inghjulia chì m’avvelena
S’ellu hè dumane chì a so terra hà da fiurì
S’ellu hè dumane chì a so notte hà da finì
Torna crede è pruvà
Torna crede è marchjà
Fanne gioie è campà
Torna crede è pruvà
Torna crede è marchjà
Fanne gioie è campà
Torna crede è pruvà
Dalli issa fiama chì à so manu hà da purtà
Torna crede è pruvà
Torna crede è marchjà
Fanne gioie è campà
Di sale è d’oru sò le strade di quallà
Issu terzu mondu à le so spalle chì sarà
Issu terzu mondu à le so spalle chì sarà…


Lingua: Francese
Versione francese dal sito ufficiale.

QU’EST-CE DONC?

Si tu pouvais voir
à peine percevoir
mon coeur qui y croit
et ce remord en moi
Si je pouvais t’écrire
mes morts et mes vies…

ces mains nues qui veulent me toucher
ces mains nues qui veulent me serrer
mais que leur manque -t il ?
de quelle faim s’agit-il ?
qu’ont- ils à espérer ?
que peut-il leur manquer ?
mais quel monde est le leur ?
qu’attendent -t-ils des heures ?
Que peut-il leur manquer ?
Quelle faute leur innocence doit-elle payer ?
Quel trésor leur a t-on volé ?

Que vienne justice et paix de quelque part
bien, mal, et tout ce qui sépare
je veux leur dire mon chagrin
l’injure comme un venin
Si demain leur terre va fleurir
si demain leur nuit va finir
croire et essayer
croire et marcher
une joie pour lutter
croire et essayer
croire et marcher
une joie à exister
croire et essayer
leur donner cette flamme
que leurs mains vont porter
croire et vouloir
croire et pouvoir
une joie de lutter
sur ces chemins de sel et de terres blondes
qu’est-ce donc sur ses épaules
ce tiers-monde…

Jalàlàbàd

Lingue: Francese, Corso

Jalalabad - foto tratta da questo blog

Jalalabad –

[2002]
muvrini umani

feat. MC Solaar
Parole di Ghjuvan Francescu Bernardini e Claude M’Baral (MC Solaar)
Musica di Ghjuvan Francescu Bernardini
Arrangiamenti di Ghjuvan Battista Rongiconi

Sempre dall’album “Umani” una canzone dedicata alle donne afghane ed a tutte le infinite guerre, privazioni e schiavitù cui sono state doppiamente sottoposte, come afghane e, soprattutto, come donne…

La canzone è per metà in francese, per metà in còrso.

Jalalabad è la capitale della provincia afghana di Nangarhar.

Je vous étreins d’ici
Femmes de ce pays
Et je vous vois passer
Toutes de bleu drapées
Il est vingt heures chez moi
Vos visages vos voix
Il est vingt heures chez moi
C’est le monde qui va
Il pleut
Sur Jalàlàbàd

Vi mandu un abracciu
O mamme quallà
Mi stringhje lu core
Vi sentu chjamà
Di pannu turchinu
Vi vecu passà
Ottu ore di sera
In lu mondu chì và
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và

Vi mandu un curagiu
E chì possu dì
A muntagna negra
A vecu da quì
Vi cantu una fede
Un altru campà
Un core chì crede
Un sognu chì và
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và

Piove, piove
A Jalàlàbàd
Piove
A Jalàlàbàd

Il pleut encore sur Jalàlàbàd
La montagne saigne le monde est mad
Je pense aux yeux de la jeune afghane
A son fils en arme, à sa mère en larme
Que le soleil brille sur la femme nomade
D’Islamabad jusqu’à Jalàlàbàd
Ci hè forse un amore
Una alma chì và
Un fiume chì corre
Un Diu chì sà

Vi porghju una manu
Surelle d’amà
Hè natu lu granu
Dumane sarà
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera vi vecu passà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và
Piove à Jalàlàbàd
Hè donna a libertà
A Jalàlàbàd
E donna hà da campà
A Jalàlàbàd

Pè u to zitellu ti vurria accumpagnà
Apre u to libru è le to scole fà cantà
Tù da le to mane, o surella di quallà
Vestila turchina, falla bella a dignità
A Jalàlàbàd
A Jalàlàbàd
E sarà
E sarà.


Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi

JALALABAD

Vi abbraccio da qui
donne di quel paese
e vi vedo passare
tutte avvolte in blu
da me son le otto di sera
i vostri volti e voci
da me son le otto di sera
è il mondo che va
piove
su Jalalabad

[ la strofa viene poi ripetuta in còrso ]

Vi mando un augurio
e che posso dire
la montagna nera
la vedo da qui
vi canto una speranza
una vita diversa
un cuore che crede
un sogno che va
le otto di sera, vi sento chiamare
le otto di sera nel mondo che va

Piove, piove
su Jalalabad
piove
su Jalalabad

Piove ancora su Jalalabad
La montagna sanguina il mondo è pazzo
e penso agli occhi della giovane afghana
a suo figlio in armi, a sua madre in lacrime
e che il sole splenda sulla donna nomade
da Islamabad a Jalalabad
e c’è forse un amore
un’anima che va
un fiume che scorre
un Dio che sa

Vi porgo una mano
sorelle da amare
è spuntato il grano,
domani sarà
le otto di sera, vi sento chiamare
le otto di sera, vi vedo passare
le otto di sera nel mondo che va
Piove su Jalalabad
è donna la libertà
a Jalalabad
e la donna deve vivere
a Jalalabad

Per il tuo bambino ti vorrei accompagnare
apri il tuo libro e le tue scuole fai cantare
dai le tue mani, sorella di laggiù.
vestila in blu, falla bella la dignità
a Jalalabad
a Jalalabad
e sarà
e sarà.

Rifà lu mondu

Lingua: Corso

Dall’album “Umani” (2002).

muvrini umaniUna bellissima canzone di speranza, di pace e tolleranza.

A soia la stella ne luce quallà
Hè cum’è un bel ghjornu chi s’ole pisà
Chi corre la ronda u tempu chi và
E voca su l’onda di l’umanità
I soi li battelli so’ d’altri navicà
E soie le terre so’ terre d’amà
Pisate le vele di fraternità
Un ventu una fede u facenu andà
Un soffiu una sete un ghjustu campà
Se v’avete un core in pettu cum’è tutte le zitelle
Forse lu ritruverete pè le strade le più belle
Un ne trova più riposu campà vita à so manera
A u sole di dumane batte pè la terra intera
Vole
Vole
Rifà lu mondu rifà lu mondu
E lu mondu u mondu vole
U mondu move d’amore nove
E lu mondu u mondu vole
U mondu move d’amore nove

A soia la spera a face cantà
In giru à la sfiera d’un libaru andà
Un cennu d’amore li basta chi sà
Un fiume chi corre una alma chi và
I soi li ghjuvelli ùn so’ ch’è libertà
E soie le terre so’ terre d’amà
So’ pace à le guerre di tutte l’età
Di tutte le brame i sogni à salvà
Ghjustu una candella in l’imensità
Se v’avete un core in pettu cum’è tutte le zitelle
Forse lu ritruverete nantu à le terre surelle
Di passione cusgita n’hè tutta la so pelle
Fra le so preferite pacifiche e ribelle
Vole
Vole
Rifà lu mondu rifà lu mondu
E lu mondu u mondu vole
U mondu move d’amore nove
E lu mondu u mondu vole
U mondu move d’amore nove
E cum’è un sole si ne và
E cum’è un sole turnarà
Rifà lu mondu
Rifà lu mondu.


Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi.

RIFARE IL MONDO

La sua stella risplende lassù,
è come un bel giorno che si leverà
entrata nel circolo del tempo che va
e che rema sull’onda dell’umanità,
i suoi battelli son d’altri lunghi corsi
e le sue terre sono terre da amare
e sciolte le vele di fraternità
un vento e una fede lo fanno andare
un soffio una sete un giusto campare
e se avete un cuore come quello dei bambini
forse lo ritroverete per le strade più belle
non ha riposo e vive alla sua maniera
e al sole di domani percorre la terra intera
Vuole
vuole
rifare il mondo rifare il mondo
il mondo che spera in un amore nuovo
e il mondo il mondo vuole
il mondo che spera in un amore nuovo

La sua speranza, lui la fa cantare
in giro per il pianeta andando liberamente
un poco d’amore gli basta, chissà
un fiume che corre un’anima che va
i suoi gioielli non sono che la libertà
e le sue terre sono terre da amare
sono pace per le guerre di ogni tempo
e i sogni da salvare per tutte le speranze,
solo una candela nell’immensità
e se avete un cuore come tutti i bambini
forse lo ritroverete nelle terre sorelle
dove le sue passioni gli sono incise sulla pelle
e le sue preferite sono quelle pacifiche e ribelli
Vuole
vuole
Rifare il mondo rifare il mondo
e il mondo il mondo vuole
il mondo che spera in un amore nuovo
e il mondo il mondo vuole
il mondo che spera in un amore nuovo
E come un sole se ne va
e come un sole tornerà
a rifare il mondo
Rifare il mondo.

Erein eta joan

Lingue: Francese, Corso, Bretone, Occitano

[2002]

Testo e musica di Ghjuvan Francescu Bernardini
Arrangiamento di Ghjuvan Battista Rongiconi

I Muvrini.

I Muvrini.

Sempre da “Umani”, quasi…l’essenza stessa del cantare dei muvrini: la speranza e la pace da seminare, espressa in tutte le lingue oppresse ma senza rifiutare neppure la lingua dell’oppressore. Il titolo è in basco (euskara), il resto della canzone è in francese, in còrso, in bretone e in occitano.

(Riccardo Venturi)

Je connais la plus belle des chansons
Elle relie l’univers à nos maisons
Elle chante chaque terre chaque pays
dans ces mots que les temps leur ont appris
Elle cherche, elle court
Elle vient, elle va
Et repart chaque fois

È quand’elli si spenghjenu quallà
Un lume una altra voce ò un amà
Chi lu mondu più povaru ne va
Si pesa pè risponde a dignità
Elle cherche, elle court
Elle vient, elle va
Elle dit : Je sais, je sais
je sais, je sais, je sais
je sème et je m’en vais

Sumenu è mi ne vò
je sème et je m’en vais
Que semii e que me’n vòi
hadañ a ran hag ez an
Erein eta joan

Un core d’una speme chì risona
Di pace t’aghju scrittu una canzona
Elle dit mon pays a besoin du tien
Je te reconnaîtrais sur nos chemins
Elle cherche, elle court
Elle vient, elle va
Et repart chaque fois

Cunosce i tesori è pò l’amori à l’abbandonu
Elle dit le monde est beau, le monde est grand s’il additionne
Elle cherche, elle court
Elle vient, elle va
Elle dit : Je sais, je sais
je sais, je sais, je sais
je sème et je m’en vais
Sumenu è mi ne vò
je sème et je m’en vais

Que semii e que me’n vòi
hadañ a ran hag ez an
Erein eta joan
Que semii e que me’n vòi
hadañ a ran hag ez an
Erein eta joan
Sumenu è mi ne vò
demà jo sembraré
Sumenu è mi ne vò
demà jo sembraré
Que semii e que me’n vòi
hadañ a ran hag ez an
Erein eta joan.


Lingua: Italiano
Versione italiana di Riccardo Venturi
30 novembre 2002

SEMINARE E ANDARE

Conosco la canzone più bella
che collega l’universo alle nostre case
canta ogni terra, ogni paese
nelle parole che i tempi hanno loro insegnato
e cerca, e corre
e viene, e va
e riparte ogni volta

E quando si spengono laggiù
una luce un’altra voce o un amore
il mondo diviene più povero
e si sforza di rispondere la dignità
e cerca, e corre
e viene, e va
e dice: io so, io so
io so, io so, io so
io semino e me ne vado

Io semino e me ne vado [in còrso]
io semino e me ne vado [in francese]
Io semino e me ne vado [in occitano]
Io semino e me ne vado [in bretone]
Andare e seminare [in basco]

Un cuore di una speranza che risuona
e di pace t’ho scritto una canzone
che dice: il mio paese ha bisogno del tuo
io ti riconoscerò sulle nostre strade
e cerca, e corre
e viene, e va
e riparte ogni volta

Conosce i tesori e poi l’amore e l’abbandono
dice che il mondo è bello, il mondo è grande se aggiunge
e cerca, e corre
e viene, e va
e dice: io so, io so,
io so, io so, io so
Io semino e me ne vado

Io semino e me ne vado [in còrso]
io semino e me ne vado [in francese]
Io semino e me ne vado [in occitano]
Io semino e me ne vado [in bretone]
Andare e seminare [in basco]
Io semino e me ne vado [in occitano]
io semino e me ne vado [in bretone]
andare e seminare [in basco]
Io semino e me ne vado [in còrso]
Domani seminerò [in occitano]
Io semino e me ne vado [in corso]
domani seminerò [in occitano]
Io semino e me ne vado [in corso]
domani seminerò [in occitano]
Io semino e me ne vado [in occitano]
Io semino e me ne vado [in bretone]
Andare e seminare. [in basco]

Una terranova

Lingue: Francese, Corso

dall’album “Gioia” (2010)

La nôtre est dans l’éternité d’un village
Là ou les lumières ont déposé la graine
Celle de la liberté l’âme citoyenne
Là ou les paysans ont vu pleurer l’efance
au pied du monument… des morts pour la France
La notre est cet enfant sur le chemin de l’école
Un cartable à la main des rêves pleins les yeux
Elle est dans les gestes qui ouvrent les chemins
Connectée à la terre, connectée à demain

La nôtre regarde son histoire et n’a pas oublié
Qu’elle porte fièrement les cicatrices du monde ouvrier
Elle est aussi dans l’héritage de toutes ces cultures
dans le partage d’une tradition
sous toutes ses coutures
La notre est un village démesuré dont le sol tremble
Ses habitants y ont grandi à l’ombre des Grands Ensembles
Elle est ce père et cette mère qui voient
l’avenir en un peu mieux
Et cet enfant qui rentre de l’école des rêves plein les yeux

Una terranova chì u to core prova
Una terranova chì u to core prova

Una terra umana beata funtana
Una terra umana chi pesa ogni grana

Une terre nouvelle que ton cœur essaie
Une terre nouvelle dans ton cœur qui nait

Une terre humaine heurese fontaine
Une terre humaine d’ou lève la graine

La nôtre a su se construire dans la difficulté
C’est en relevant la tète qu’elle s’est faite une identité
Elle a des murs trop gris qu’on apprivoise
Et qu’on assume
Car même nos premières larmes ont séché
Sur le bitume

La nôtre est une flamme qui ne s’éteint pas
Elle vient de la Terre du Commun
Elle dit… mon pays a besoin de tien
La notre est gravée sur le seul des fontaines
Et les arbres centenaires

La nôtre est cette énergie aux milliers de visages
Elle ne se laisse pas faire elle est l’envie et le courage
Elle est mon Slam et ta chanson pour l’amour de nos Terres
Car si le nôtres se ressemblent c’est qu’elle ont du caractère

La nôtre ne veut rien que garder son âme
Ce sont nos langues qui vont fêter
la différence et l’unité
La nôtre n’est pas minoritaire, ni rancœur, ni colère
Ecoute… on est milliers de frères

Una terranova chì u to core prova
Una terranova chì u to core prova

Una terra umana beata funtana
Una terra umana chi pesa ogni grana

Une terre nouvelle que ton cœur essaie
Une terre nouvelle dans ton cœur qui nait

Une terre humaine heurese fontaine
Une terre humaine d’ou lève la graine

Tutti i testi dei Muvrini li trovate qui

Annunci

Una risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...